Logo
In caso di problemi con le linee telefoniche vi segnaliamo qui di seguito il numero di emergenza: 339.649.6043

NOVITA' - In Kenya a partire dal 28 agosto 2017 entra in vigore il bando ai sacchetti di plastica. Leggi il comunicato.
promo flamingo

CERCA NEL NOSTRO SITO

newsletter

Sei un'agenzia? Desideri offrire ai tuoi clienti le migliori offerte sull'East Africa? Allora iscriviti per ricevere le nostre locandine.


Powered by TecnoPosta
logo associazione esperti africaSegnalati su magicalkenya.it
AFRICA > KENYA > LE ETNIE

"Gli indigeni erano l’Africa in corpo e sangue…quando sono in viaggio, alti, snelli, scuri e con gli occhi scuri…o quando lavorano la terra o pascolano le bestie o fanno le loro grandi danze o raccontano una fiaba…è l’Africa che è in viaggio, che danza, che racconta…tornano in mente le parole del poeta: sempre mi è parso nobile l’indigeno e insulso l’immigrato…”. Sono le parole di Karen Blixen, l’autrice di uno dei best seller sul Kenya: la mia Africa.

Ed il Kenya si è formato attraverso la composizione di molte etnie, di tanti popoli che, provenendo un po’ da tutte le direzioni, hanno finito per stabilirsi in questa terra. Gente diversa sia per costume che per caratteristiche morfologiche e spesso in contrasto gli uni contro gli altri, con una rivalità mai completamente scomparsa. Si possono dividere in tre grandi ceppi: i Bantu, i Niloti ed i Cusciti.

MAPPA DEI GRUPPI ETNICI

I Masai sono forse il popolo più famoso del Kenya. Alti, statuari, perfino eleganti per il loro portamento, per i loro monili e con quei drappi rosso-colorati sono ormai ridotti ad una minoranza (meno di 500.000). Discendenti del gruppo nilota, sono sempre stati dei pastori: “Spero che il tuo bestiame sia florido…” è un loro tipico saluto. In passato erano temuti come dei formidabili guerrieri.. La lancia, il pugnale ed una mazza dalla testa arrotondata erano e sono le loro armi tradizionali. Credevano nel Dio della pioggia, Ngai, cui chiedevano di garantire cibo per il loro bestiame. Nomadi, si nutrivano con una mistura tra sangue e latte bovino. Poligami, vivono tuttora nei loro villaggi anche se magari con il telefonino o l’orologio al polso. Il termine Masai viene dalla lingua che usano: il Maa. Sono tutelati da un’associazione la Masai Environmental Resource Coalition i cui legali si battono per la conservazione degli usi e dei costumi tradizionali. All’associazione è riconosciuta una quota sui biglietti d’ingresso ai parchi quale indennizzo per i loro terreni che furono loro tolti nel tempo per la realizzazione delle riserve animali.

MASAI

GIOVANE MASAIABBIGLIAMENTO MASAI

DONNE MASAI

L’etnia più numerosa è la Kikuyu (4.500.000) che vive nella zona centrale del Kenya. Oggi è la razza dominante. Protagonisti nella battaglia per l’indipendenza del Kenya, rappresentano il 20% della popolazione. E’ uso ancora oggi pagare al padre della futura sposa una sorta di indennizzo e chiedere in moglie una Kikuyu magari istruita per un keniota è un vero e proprio investimento.

Visualizza foto Kikuyu

kikuyu

kikuyu

kikuyu

kikuyu

kikuyu

kikuyu

MEDICI KIKUYUDONNA KIKUYU

UOMO KIKUYUVECCHIO KIKUYU

Un altro gruppo molto numeroso sono i Luhya (3.000.000) che, occupando tre distretti, popolano la provincia occidentale. Il ceppo nilotico è rappresentato dai Luo (2.800.000), popolo originario dalla zona che oggi è il Sudan. Amanti della musica, si vestono con ornamenti coloriti ed accurati. Sono abili contadini anche se si trovano a svolgere la loro attività in zone non certo favorevoli.

Luhya

Tra le tribù originarie del Nilo, i Luo sono la terza per numero e vivono sulle coste del Lago Victoria. Un tempo erano nomadi come i Masai ed allevavano il bestiame, si stabilirono sul Lago Victoria circa 500 anni fa e diventarono pescatori ed agricoltori.

Il loro arrivo causò lo spostamento di altre tribù di lingua Bantù (Gusii, Kuria e Luhya) verso le zone orientali e a nord del Lago. Negli ultimi 100 anni i Luo sono diventati un popolo semistanziale: oggi sono circa 2.700.000.

DONNA LUHYA

Poi ci sono i Kalenjin (2.900.000) che vivono nella provincia della Rift Valley. Agricoltori, sono particolarmente legati alle proprie tradizioni. Una curiosità: molti dei più abili atleti kenioti, d’assoluto valore nella corsa sulla media-lunga distanza, appartengono a questo ceppo etnico.

kalenjin

kalenjin

GIOVANI KALENJIN

GRUPPO KALENJINDONNE KALENJIN

Tra le rappresentanze più rilevanti poi ci sono i Kamba (2.500.000), i Kisii (1.300.000) ed i Meru (1.100.000).

danza kamba

kisii

RAGAZZO KISIIDONNE MERU

Un altro popolo di origine Masai è il Samburu. Anche loro sono ormai una minoranza etnica (poco meno di 100.000). Pastori e di natura nomade, furono chiamati così in virtù del soprannome che dettero loro i Masai, per una borsa che usano portarsi dietro.

GRUPPO SAMBURU

DANZE SAMBURUCOLLARI SAMBURU

SAMBURU

Lungo la costa l’etnia che s’incontra più frequentemente sono i Giriama, un popolo schiavo dei Galla, che fu lasciato su queste terre. Si tratta di persone prevalentemente miti, facili all’apprendimento di qualunque uso e costume.

GIRIAMA

GIRIAMAGIRIAMA CHE DANZANO

Sempre sul mare, molti gli Indiani che si sono stabiliti in Kenya ormai da decine e decine di anni. Alcuni arrivarono con gli Inglesi, che li reclutarono per la costruzione della famosa Ferrovia. Altri decisero di attraversare il mare causa le ricorrenti carestie che funestavano il loro Paese. Fatto è che la gran parte della comunità indiana (lungo la costa per la maggior parte di religione musulmana) regge la rete commerciale della zona.

BIMBA INDIANA DEL KENYA

 
 
REALIZZAZIONE TECNICA PRO ZETA GAMMA SOLUTIONSCONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTOPROBLEMI CON IL SITO?TRUCCHI PER IL PC
© 2018 Cimo Service di Blue Destination s.r.l. • Via Orazio,10 - 00193 ROMA • 06.68.806.821 - FAX 06.92.933.876 • booking@cimoservice.it
Capitale Sociale 10.000,00 € Int. Vers. :: P.IVA 13413431001 • REA RM 1445259 • Privacy e Cookie Policy
Free Sitemap Generator Facebook, iscriviti al gruppo Mal d'AfricaMal D'Africa: Iscriviti al nostro gruppo su Facebook Segnalato su cct2000